Volvera: laurea in salotto sul bullismo per Stefano, neo-dottore e modello

2960

“Mamma, è saltata la connessione…Oggi niente laurea!”. Era questa, forse, la più vibrante paura, o l”incubo della notte prima” di Stefano Cianciaruso. Ma tutto è andato bene, la linea Internet ha tenuto senza ostacoli e il ventiquattrenne di Volvera, comodamente assiso in salotto, è diventato Dottore. La laurea in Scienze della Comunicazione, un traguardo bello e meritato per il giovane assai noto nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza, che oltre all’Università segue, da anni, anche un corso per diventare attore di cinema o di teatro. Con le disposizioni legate allo scenario epidemiologico, che hanno impedito di svolgere in pubblico la discussione delle tesi, Stefano, che pure ci teneva tanto, ha dovuto rassegnarsi. E, alla fine, magari l’esperienza così originale di sentirsi conferire l’alloro attraverso casse, schermo e microfono, con il cane Geppy che mugolava di soddisfazione avendo ben chiara la preziosità del momento, non la cambierebbe mai più. Alla fine, quel che conta è il risultato, e quel che vale davvero è il cuore ed il sentimento di parenti, amici ed amiche con cui condividere l’occasione indimenticabile di quella frase solenne e rasserenante….”Le conferiamo….” che da un millennio è una delle tappe fondamentali di uno studente universitario, per l’intera sua vita. Stefano ha così consegnato ai social un video ironico e divertente, che ricapitola la giornata decisiva e da non scordarsi mai. Una tesi di laurea avvincente, quella di Stefano, con un argomento delicato ed attualissimo: il bullismo, e quella sua nefasta protesi, insidiosa e malvagia, del cyberbullismo. Un lavoro ben scandito, con premesse scientifiche salde ed una serie di argomentazioni originali, tratte da approcci multidisciplinari e colloqui con professionisti della psicoterapia. Il neo-dottore ci tiene a precisarlo: “Non è stata una scelta casuale. Mia sorella Marika, che ha vissuti seri di disabilità, è stata spesso vittima di questo velenoso prodotto di ignoranza, cattiveria, spesso persino sadismo. Grazie a Dio li sta superando: è una bellissima ragazza, dolce, con due occhi meravigliosi ed un cuore grandissimo. E allora – continua Cianciaruso – è nato in me, prepotente, il desiderio di approfondire, di esplorare l’universo psicosociale di bulli e vittime e, soprattutto, di analizzare con rigore metodologico le strategie di contrasto e di prevenzione sociale del fenomeno.” Un gran bel lavoro, per il ragazzo di Volvera che, oltre a giornalismo e informazione, ha tra i suoi sogni un Master, ma anche la recitazione (ha già partecipato ad un film, ambientato in uno scenario di guerra nella cintura torinese) o il lavoro nel backstage tecnico o registico di una televisione. Una laurea atipica, sobria e senza cerimonie ampollose, in un momento difficile per studenti e famiglie, ma quel che conta è la sostanza ed il calore di cui il Dottore si è circondato e che non può che riempire di motivata soddisfazione Stefano. Che, col suo carattere tranquillo e metodico, si è conquistato sul campo un passaggio fondamentale e, magari, un segmento di studi e di ricerca su un tema sociale così intrigante – ed un virus della mente distorta – il bullismo, da combattere senza tregua. Auguri al Neo-Doc, dalla nostra Redazione e dalla Union Model, che lo ha seguito in tante occasioni di crescita e di successo, non ultima delle quali la collaborazione al Salone del Libro ed al Festival Internazionale della Musica. Che la vita Ti sorrida, fresco Dottore, e che questa soddisfazione sia un punto di partenza, radioso e lusinghiero, per tanti nuovi ed inesplorati percorsi culturali e professionali. (m.g.)