Raspelli alla “Madonna del Pilone”: buon cibo, amicizia e simpatia

5135

E’ stata davvero una bella sorpresa, per lo staff dell’Osteria “Madonna del Pilone” di Viale Michelotti 102 a Torino, quella della visita – la sera di venerdi 25 – di un ospite d’eccezione: Edoardo Raspelli, il re dei critici gastronomici italiani ed uno dei volti televisivi più amati ed apprezzati per gli amanti della buona tavola. Di passaggio a Torino per alcune visite e recensioni ad alberghi, il popolare “Edo” si è ritrovato, dopo alcune segnalazioni, a testare le prelibatezze innegabili della bocciofila, ormai stranota e frequentatissima a Torino, guidata da Patrizia e Gigi e dall’ottimo chef Gabriele Accardi. Tome e formaggi di Matteo Villa ed altre eccellenze canavesane, risotti Testa curatissimi e leccornie al baccalà, battuta di carne con uovo di quaglia e maxicostate, sono solo alcuni dei tasselli dell’eccellente mosaico gastronomico dell’Osteria, cui si aggiungono i gelati Pepino ed il pirotecnico – e apprezzatissimo da Raspelli – panettone di ultima generazione del pinerolese Ferrua dalla tradizione storica gloriosa: una vera delizia che ha lasciato senza fiato gli ospiti, tra cui il noto scrittore, poeta e saggista Willy Vaira, il coordinatore all’ambiente della Circoscrizione Parella Lorenzo Ciravegna e il giovane attore moncalierese Simone Aricò, che sta realizzando con la Hermes Movie e Film Commission Liguria un importante lavoro cinematografico del regista genovese Marco Bracco sulla vita del presidente piu’ amato, Sandro Pertini.

Da sinistra Gigi Ricciardi, Edoardo Raspelli con lo chef Gabriele Accardi e Patrizia Cano, regina” dell’Osteria MDP

Abbiamo chiesto a Edoardo i suoi progetti per i prossimi mesi: “Sto riprendendo un ciclo di trasmissioni televisive molto originali, su un circuito che vede un ruolo importante di Alma TV, che segnalerà eccellenze produttive del territorio dai significati particolari, per riscoprire gusti, profumi e tradizioni talvolta ancestrali, come il caleidoscopio – unico al mondo – della Novi, e tante altre aziende italiane. Proseguono inoltre le mie attività su quotidiani e settimanali e con “Raspelli Magazine”, che periodicamente segnala luoghi e spazi gastronomici di prima grandezza sul piano nazionale. Inoltre, dedicherò ancora molta attenzione a eventi di moda e spettacolo come i concorsi di bellezza, che mi divertono e mi consentono – in modo un po’ scanzonato ma mai banale – di tenere l’occhio spalancato sul nostro valore più prezioso. I giovani, da capire e valorizzare, saper interpretare e fare esprimere nella loro dinamicità e creatività.

Uno dei prelibatissimi prodotti di “Pan Bianch”, celebrato marchio pinerolese della bontà guidato da Sergio Ferrua, nipote del mitico Pietro Ferrua (l’inventore del celebre “Galup” e fornitore di Casa Savoia)

“Allora, Raspelli, a Torino torna sempre volentieri? “Certo, è una città che non sarà, forse, magica nel senso esoterico in cui la legge qualcuno, ma che di magie ne sa realizzare tante, piccole e grandi, ogni giorno. Dallo sport ai grandi eventi internazionali, all’enogastronomia e all’innovazione tecnologica e la ricerca, il capoluogo subalpino è un laboratorio etico e sociale che non ha eguali”, Raspelli ha salutato – uno per uno -, come da par suo con la consueta gentilezza e disponibilità, il personale della “Madonna del Pilone”: Mery, Luis, Daniele, Sebastiano, complimentandosi per qualità e clima di amicizia e simpatia – il locale, anche per la sua vocazione originaria, ospira un pubblico variegato, distinto e discreto, ma popolare e semplice, aperto e fortunatamente alieno da buffi snobismi e gusti eccentrici autoreferenziali – e promettendo nei prossimi mesi una nuova e graditissima visita. Per seguire le recensioni di Edoardo Raspelli e tenersi aggiornati sulle sue molteplici iniziative ed attività, è sempre attivo ed in continua evoluzione il sito raspellimagazine.it.