Napoli – Juve: oggi all’Olimpico la finale di Coppa Italia

1047

Per i tifosi piemontesi, che piova come dicono o no, e’ un mercoledì da passare, dopo cena, tra le mura domestiche, costi quel che costi, con panini e lattine, e magari qualche fiala di camomilla per evitare probabili sintomatologie di cardiopalmo. E non disturbateli. Stasera alle 21 va in scena nello stadio della Capitale la Finale di Coppa Italia. La compagine bianconera, reduce dalla vittoria contro il Milan in semifinale, sfida la squadra partenopea allenata da Gennaro Gattuso che ha sconfitto l’altro team lombardo, i nerazzurri dell’Inter. Una partita, quella di oggi, davvero particolare, già battezzata “Finale post – Covid”, che si snoderà, dura lex sed lex, senza il calore del pubblico, senza gli incoraggiamenti appassionati degli spalti. I tifosi, però, avranno il privilegio di godersi la diretta sul divano o in poltrona su Rai Uno, e le urla dei condomini, dopo i mesi di clausura domestica, avranno probabilmente un sapore tutto speciale, quasi di liberazione. Le due squadre si sono già affrontate in una analoga finale nell’edizione 2011 – 2012. In quell’ occasione vinse il Napoli, centrando la sua quarta Coppa Italia (oggi il bilancio dei trofei é salito a quota cinque, dopo la vittoria del 2014). Ma alla vittoria sono anche i bianconeri a tenerci moltissimo: per loro sarebbe la quattordicesima. E scusa se é poco. E stavolta c è Cristiano Ronaldo, un valore aggiunto mica da ridere, e l’imperativo categorico della Signora é di portare a casa l’ambizioso premio dell’era dopovirus. E questo costituisce solo il primo dei tre obiettivi di lusso, con scudetto e Champions, che animano quest’anno i cuori del team juventino.

Stefano Cianciaruso