Covid: al via l’Ospedale “Valentino”, aumentano le terapie intensive

413

Un bel record, quello del Valentino. Undici giorni sono stati sufficienti per trasformare il quinto padiglione interrato di Torino Esposizioni, che negli ultimi anni ha ospitato prima il magazzino elettorale del Comune, e poi l’uso come parcheggio a quello di parco giochi per Natale in giostra, e aveva ospitato anche il Salone della montagna e i veicoli industriali del Salone dell’auto. Un gran lavoro, quello del Valentino, con un ospedale da campo con 455 posti letto per pazienti a bassa intensità di cura, così da alleggerire sensibilmente la pressione sui reparti degli ospedali. Oggi è arrivato, da Novara, il primo paziente. In settimana, ne arriverano altri dalle Molinette. In Piemonte, zona rossa da due settimane, diminuiscono i contagi, ma aumentano i ricoveri in terapia intensiva. Oggi sono in tutto 398, sui cinquemila ricoverati. Sono 69 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 10 verificatisi oggi. Il totale è ora 5.565 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 858 Alessandria, 329 Asti, 266 Biella, 594 Cuneo, 513 Novara, 2.494 Torino, 282 Vercelli, 173 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 56 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 149.575 (+2.641 rispetto a ieri, di cui 881, il 33%, sono asintomatici). I nuovi contagi sono 501 di screening, 1082 contatti di caso, 1058 con indagine in corso, in 355 Rsa e Strutture socio-assistenziali, 170 in ambito scolastico, 2116 popolazione generale.

La suddivisione nelle otto province della regione evidenzia 12.883 casi ad Alessandria, 6.869 ad Asti, 5.247 a Biella, 19.738 a Cuneo, 11.194 a Novara, 80.947 a Torino, 5.573 a Vercelli, 4.820 nel Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 866 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.438 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 398 (+8 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 5.132 (-18 rispetto a ieri).
Le persone in isolamento domiciliare sono 71.482. I tamponi diagnostici finora processati sono 1.418.692 (+13.605 rispetto a ieri), di cui 748.560 risultati negativi.